Il risparmio energetico in ufficio

Ufficio

Negli ultimi anni il rapidissimo sviluppo della società ha portato a cambiamenti  climatici come l’effetto serra causando uragani, innondazioni, dissesto idrogeologico e un forte inquinamento atmosferico con l’impoverimento del suolo e una forte diminuzione delle risorse energetiche.
Spetta a tutti anche nella vita quotidiana cercare non solo di risparmiare energia ma adottare provvedimenti per rendere più pulito e vivibile il nostro pianeta.
Semplici gesti come chiudere un rubinetto quando ci si lava i denti o spegnere tutte le luci quando si esce di casa o dall’ufficio possono e devono divenire una pratica quotidiana, così come evitare gli stand bye dei computer o di tutti gli elettrodomestici.
Al tempo stesso cercare di utilizzare i mezzi pubblici o la bicicletta quando è possibile non solo è salutare ma anche conveniente a livello economico.
Dobbiamo cercare di ridurre la produzione di anidride carbonica e di rifiuti consumando meno energia e adottando dellle semplici strategie nella vita di tutti i giorni come la raccolta differenziata o le lampadine a basso consumo o limitando il consumo della carta.
Per fare un esempio non tutti danno  il giusto valore alla semplice carta che è un bene molto prezioso, infatti per produrre una tonellata di carta cellulusa servono 15 alberi, 440.000 litri d’acqua e 7.600 Kwh di energia elettrica.
Pensate a quanta carta viene utilizzata e cestinata negli uffici.
Con un uso più consapevole si potrebbe risparmiare moltissima energia, riutilizzando i fogli per fare appunti, schizzi e bozze sul retro dei fogli di carta già utilizzati risparmiando fino a 13 kg di anidride carbonica  in un anno e 6 kg di carta..
Così allo stesso modo si dovrebbe cercare di stampare fronte retro risparmiando anche più spazio negli archivi, fare un’anteprima di stampa per evitare che il foglio si stampi in modo sbagliato e vada cestinato.
In ufficio poi se non è strettamente necessario cercate di archiviare i documenti sul computer evitando di stampare documenti inutili, sopratutto la coda dei messaggi email ad esempio che molto spesso contiene solo informazioni riguardanti la privacy, testi dei messaggi precedenti o controlli antivirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *